Antonio Mezzero: il Magellano della Pizza

18 agosto 2018

Il nuovo campione della pizza Stg ha solo 35 anni, ma ha già esplorato più di un paese, sotto la bandiera della sua passione per gli impasti. Conosciamolo insieme.

Antonio Mezzero, napoletano ma portoghese di adozione è il vincitore 2018 del Trofeo Caputo. Scopriamo insieme chi è il nuovo Magellano dell’arte bianca che ha circumnavigato il mondo della pizza.

Ve lo ricordate Ferdinando Magellano: il coraggioso viaggiatore portoghese che per primo ha tentato di circumnavigare la Terra?
Antonio Mezzero è un po’ così!

Il nuovo campione della pizza STG ha solo 35 anni, ma ha già esplorato più di un paese, sotto la bandiera della sua passione per gli impasti.

«L’ingrediente più importante per una pizza da campioni è l’amore” questa, la prima cosa che Antonio, occhi lucidi e sorriso smagliante, ci ha raccontato appena sceso dal podio».

Con un padre cuoco e 6 fratelli, pronti a imparare i segreti dell’alta cucina, Antonio si è lasciato conquistare solo da “Margherita”.

Il suo viaggio attraverso i confini del mondo dell’arte bianca è cominciato a 9 anni sfornando la prima pizza in Germania e non si è fermato fino alla meta più lontana: il podio del Trofeo Caputo.
Da 10 anni Mezzero vive a Porto dove ha aperto una pizzeria che porta il suo nome.

«Di Napoli mi manca la bellezza- ci racconta Antonio - ma il Portogallo mi ha dato tutto. E’ una terra che va scoperta e che sa apprezzare i prodotti di qualità. 10 anni fa la pizza napoletana a Porto era poco conosciuta. Oggi la margherita STG è uno dei prodotti più amati dal popolo portoghese che considera noi pizzaiuoli veri artisti»

Passione, Arte e Qualità sono le 3 chiavi della filosofia di Antonio Mezzero, le 3 navi con cui il nostro Magellano della pizza ha sfidato il mondo di APN diventando il primo campione di un’arte patrimonio dell’Unesco!

«Quello portoghese è un popolo onesto e generoso, proprio come quello napoletano- conclude Antonio- E oggi sono doppiamente felice perchè oltre al miglior giocatore di calcio del mondo e al miglior allenatore, ora il Portogallo ha anche un campione del mondo della pizza!»