Mulino Caputo riparte da Cibus Parma

26 settembre 2021

Si torna finalmente a parlare di food e soprattutto di eccellenza italiana dal vivo e senza limiti, questa è la grande novità che ci attende al rientro dalle vacanze.Mulino Caputo sarà presente tra gli spazi espositivi di Fiere di Parma al Padiglione 06 stand C022

Dopo una lunga assenza torna la più grande vetrina del Food Made in Italy: Cibus Parma. Dal 31 agosto al 3 settembre Mulino Caputo sarà in Emilia per tenere alta la bandiera dell'eccellenza dell'arte bianca tricolore, ma anche per dare il suo contributo al primo grande evento live di settore a testimonianza del grande entusiasmo e della voglia di rinascita del food italiano.




Si torna finalmente a parlare di food e soprattutto di eccellenza italiana dal vivo e senza limiti, questa è la grande novità che ci attende al rientro dalle vacanze.
Mulino Caputo sarà presente tra gli spazi espositivi di Fiere di Parma al Padiglione 06 stand C022




Più di 3000 aziende che presenteranno la loro realtà e le loro novità, ma soprattutto un dialogo serrato tra professionisti di più di 90 paesi ricco di opportunità di confronto : questo è Cibus Parma, un format efficace e ricco che rappresenta al meglio l'eccellenza italiana nel mondo.




Cibus sarà la prima fiera internazionale dedicata all'agroalimentare italiano a riaprire i battenti, in sicurezza confermando questo evento come la più importante piattaforma di business matching per la community agroalimentare nazionale ed internazionale.




A Cibus non si parlerà però solo di prodotti ma anche di tante tematiche sempre più pregnanti per il settore agroalimentare.
Innovazione, imprenditorialità e sostenibilità nel settore food , ma anche promozione e valorizzazione dell'intera filiera saranno i temi a corollario della manifestazione: temi carichi di significato per un'azienda come Mulino Caputo che punta tutto sull'attenzione all'intero percorso dal campo alla tavola!




I modi per declinare questi punti chiave saranno tanti.




Spazi espositivi, dimostrazioni, seminari esclusivamente dedicati agli operatori del settore ma anche eventi off e spazi per la cultura del cibo. Anche quest'anno insomma il Mulino di Napoli è pronto a raccontare in 4 giorni tutte le sfumature dei suoi mille colori.