Pizzeria la miglior farina per la Pizza domestica secondo Altroconsumo

La farina di Mulino Caputo è risultata tra le migliori farine secondo gli scrupolosi test di Altroconsumo.

L’associazione per la tutela e difesa dei consumatori più conosciuta in Italia ha decisamente approvato la farina Pizzeria, ovvero la versione domestica della Sacco Rosso , destinata ai professionisti, eleggendola come miglior prodotto per la pizza fatta in casa.

Il podio raggiunto da Pizzeria è il risultato di una batteria di test svolti su 20 prodotti a confronto: 11 destinati alla produzione della pizza e 9 per tutti gli usi, naturalmente sempre relativi al mercato casalingo.

E tra le farine per produzione di pizza con forno domestico la migliore è risultata proprio la farina Pizzeria di Mulino Caputo

3 i risultati che hanno conferito l’alloro di eccellenza alla farina Pizzeria nelle prove in cottura:

Crosta friabile

Mollica umida al punto giusto

Nessun difetto

In pratica Pizzeria è risultata il miglior prodotto sul mercato per ottenere un impasto per la pizza perfetto, sia dal punto di vista della W ovvero della forza, cioè la quantità di proteine che consentono all’impasto di assorbire acqua , sia del rapporto P/L,  ovvero il rapporto tra tenacità ed estensibilità, cioè tra la forza massima che l’impasto oppone alla deformazione, e la deformazione massima che l’impasto raggiunge prima di rompersi.

Alti valori relativi a questi 2 parametri sono caratteristici di farine idonee a lunghe lievitazioni e ottima alveolatura.

Insomma con Pizzeria è possibile realizzare anche nel forno di casa prodotti di qualità professionale, naturalmente unendo la giusta tecnica e una buona dose di manualità.

Questa è la sicurezza per i consumatori che è venuta fuori grazie ai test di Altroconsumo.

condividi

Lunedì 11 settembre presso il ristorante Palazzo Petrucci in via Posillipo si è svolta la VI edizione di San Gennà: un dolce per San Gennaro, il contest di Pasticceria che è ormai un tradizionale atto d’amore nei confronti del patrono di Napoli, a cui la cultura popolare non ha dedicato ricette specifiche per secoli.
Il Capodanno del Mugnaio è una festa dai tanti significati, ma è anche il momento in cui si fanno bilanci e si stringono nuovi accordi per il lavoro che verrà.